Era come dicono gli shuar: di giorno c’è l’uomo e la foresta. Di notte l’uomo è la foresta

Luis Sepulveda, Il vecchio che leggeva romanzi d’amore
Guanda, 1999, pagina 99

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *