“Può forse leggerci una poesia?”
A Taormina, seduta su uno scalino del teatro greco.
Un attimo di esitazione.
“No, qui è troppo bello. Diventerebbe banale”.
Invece di filmare una poesia andammo a prenderci un caffè.

Kartarzyna Kolenda-Zaleska ricordando Wisława Szymborska, Premio Nobel per la letteratura 1996

wisława-szymborska
Pawel Piotrowski / Agencja Gazeta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *